DNA2PURE Light Rain

Energia dell’acqua e suoi effetti sull’uomo

cascata

L’elemento predominante nella valutazione della qualità dell’acqua è sicuramente il fatto di avere o no energia di base, di essere cioè “VIVA”. L’acqua è l’elemento più presente nel nostro corpo: fonte di vita energia. In natura l’acqua di sorgente scorre libera, ha quindi miglior qualità energetica: le sue molecole polarizzate memorizzano le informazioni vitali. L’acqua di sorgente che scorre libera in natura, che sbatte “VIVA” tra le rocce, che vortifica, è ricca di diverse proprietà energetiche, vibrazionali, magnetiche e terapeutiche. L’unità di misura dell’energia è l’UNITÀ BOVIS (UB). L’acqua sorgiva di alta montagna ha un energia di circa 8.000UB: un valore che qualifica l’acqua bioenergeticamente ricca ed attiva, dal punto di vista terapeutico. Quando l’acqua invece viene “imbrigliata” cioè bloccata, imprigionata nelle tubature degli acquedotti, il valore bioenergetico e quindi le sue principali caratteristiche terapeutiche, decadono vertiginosamente passando dalle 8.000 UB a circa 1.300UB. Inoltre la vorticizzazione propria delle acque di sorgente è molto diminuita per via di interventi biologici, chimici e fisici nella natura da parte dell’uomo. È anche risaputi che la qualità dell’acqua dalla sorgente al rubinetto deteriora ulteriormente (biologicamente e in termini di fluttuazione). Parliamo della cosiddetta acqua morta (ricerca di Schauberg). Le acque dinamizzate, “VIVE”, aiutano il nostro corpo a:

  1. •pulire e tonificare la pelle;

  2. •la vortificazione dell’acqua, libera in modo naturale una enorme quantitá di ioni negativi che sono molto salutari per il corpo;

  3. •depurare le cellule del corpo;

  4. •rallentare l’invecchiamento dell’epidermide;

  5. •rinnovare l’energia corporea e rafforzare il fisico;

L’acqua rivitalizzata aiuta nella rimarginazione di ferite, scottature, ha un effetto benefico sulla pelle e le malattie della pelle, rinforza il cuoio capelluto, rallenta la caduta dei capelli.

INSTALLAZIONE DEL DNA² Pure Light Rain ED IL SUO FUNZIONAMENTO

Il DNA² Pure Light Rain è di facile installazione e non necessita di nessun tecnico, essendo dotato di un adattatore universale è facilmente collocabile su qualsiasi rubinetto di casa.

Il DNA² Pure Light Rain è un concentrato di tecnologia quantica. La prima parte è realizzata da un cilindro in acciaio nel cui interno è collocato un frequenziatore magnetico in grado di far fluttuare l’acqua. Tramite questa fluttuazione si invertono le strutture delle molecole dei diversi minerali presenti nell’acqua, impedendone l’aggregazione (teoria di Hendick Antoon Lorenz, premio nobel nel 1902); inoltre aumenta la quantità di ioni H (idrogeno) disciolti nell’acqua. La seconda parte è composta da un tubo in acciaio inox curvato a “chiocciola” è stato così realizzato per la vortificazione (teoria di Schauberg) per dare all’acqua un movimento di ossigenazione. All’interno del tubo è stata inserita una spirale a forma elicoidale interamente in argento puro (1000) , la quale ha il compito di mantenere la struttura dell’acqua aperta e arricchirla di argento colloidale.

In sintesi, la modifica strutturale indotta dal DNA² Pure Light Rain, infonde all’acqua molte proprietà:

  1. molecole dell’acqua organizzate in gruppi di dimensioni ridotte  per renderla maggiormente solvente;

  2. ioni di idrogeno liberi (funzione anti-age);

  3. si arricchisce di IONI D’ARGENTO che è uno dei più potente antibatterico a largo spettro. È stato provato che è efficace contro più di 650 fra germi, funghi e virus patogeni;

  4. rendere la molecola dell’acqua biodisponibile;

Proprietà dell’acqua dinamizzata dal DNA² Pure Light Rain

  1. ha un potere ossido riduttivo (ORP) negativo;

  2. un elevato numero di elettroni che estraggono i radicali liberi;

  3. è un’acqua strutturata, le molecole sono collegate tra loro (ponti cluster) in piccole forme, consentendo ad essa di penetrare nelle cellule della pelle più facilmente;

  4. per i processi di dinamizzazione (fluttuazione e vorticizzazione) contiene un alto potenziale bioenergetico, misurabile con la radioestesia;

  5. idrata la pelle (durante una doccia il nostro corpo si idrata, mediamente assorbe 1,5 lt. di acqua);

  6. pulisce, tonifica la pelle utilizzando pochissimo detergente (si consiglia per la salute l’utilizzo di saponi solidi, che non contengano laureth sulfate, qualsiasi altra sostanta contentente la sigla prop come isopropane, propanil glicol, e senza parabeni), solo alcuni tipi di saponi solidi non contengono questi veleni;

  7. prolungato effetto umidificante dovuto alla penetrazione nella pelle di micromolecole di acqua;

  8. la vortificazione dell’acqua, libera in modo naturale una enorme quantitá di ioni negativi che sono molto salutari per il corpo;

  9. elimina il cloro presente nell’acqua;

  10. trasforma la calcite disciolta nell’acqua in aragonita;

  11. previene forfora, acne e caduta dei capelli;

  12. un uso continuato allevia la dermatite atopica e la psoriasi;

  13. depurare le cellule del corpo;

  14. rallentare l’invecchiamento dell’epidermide;

  15. rinnovare l’energia corporea e rafforzare il fisico;

Per saperne di più

La pelle: equilibrio, pulizia e idratazione

Il valore fisiologico del PH della pelle sana si incontra tra il 5,4 e il 5,9 di media. In questa classe di PH, la pelle è colonizzata da una flora tipicamente cutanea, che impedisce la proliferazione di germi patogeni. L’equilibrio fisiologico puo’ essere alterato dall’impiego frequente ed eccessivo di sapone, producendo una disfunzione nel sistema di difesa della pelle. La pulizia della pelle è una parte importante della routine quotidiana,e dobbiamo tener presente che il PH della pelle è acido mentre la maggior parte dei saponi sono alcalini. Per questo un loro uso eccessivo puo’ seccare ed irritare la pelle, specialmente nel caso di bambini e di anziani, di pelli sensibili o infiammate (come nel caso della dermatite atopica). Evitare le sostanze irritanti per la pelle, usare sapone con PH acido o cercare prodotti sostituitivi , sono buoni consigli per la cura della pelle. Raccomandata in generale per pelli sensibili e/o allergiche.

Ti laveresti i capelli e i denti con olio per  freni, sgrassatore per motori o antigelo per radiatori?

Ingredienti potenzialmente dannosi si trovano in molti prodotti di ogni giorno per la cura della persona, tu e la tua famiglia probabilmente siete esposti ad agenti potenzialmente cancerogeni ogni volta che entrate nel vostro bagno. Non ci credi?

Hai mai letto le etichette sulle confezioni di un deodorante, della crema da barba, dello shampoo, del dentifricio , colluttorio, ecc.? Facciamo una prova: recati in bagno e prendi una qualsiasi confezione di shampoo, bagnoschiuma, deodorante, colluttorio, etc.. e cerca ciascun ingrediente di cui è composto su biodizionario.it,il dizionario dei componenti nei cosmetici. Stupito dei risultati? No, purtroppo è una realtà. Molti produttori usano determinati ingredienti chimici perchè sono economici e danno l’illusione di eseguire correttamente il loro compito. Nel sangue umano e nel tessuto adiposo sono state trovate più di 400 sostanze chimiche tossiche, organizzazioni governative hanno dovuto ammettere che ci sono almeno 880 composti chimici neurotossici (dannosi per il sistema nervoso) in prodotti per la cura della persona, cosmetici e profumi. Le alternative sono a portata di mano: da una parte sostanze chimiche inquinanti e dall’altra il benessere della persona ed il rispetto per l’ambiente.

Ioni negativi e salute

L’inquinamento esistente nell’ambiente dovuto ad elettrodomestici, veicoli, aria condizionata, apparati elettronici etc., provoca uno squilibrio nell’aria (piu’ ioni positivi che negativi) che produce malessere generale e affetta la nostra salute. Gli ioni negativi, al contrario di quelli positivi, hanno un effetto buono sull’organismo: rilassano e favoriscono la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore cerebrale il cui rilascio produce una sensazione di benessere. L’assorbimento degli ioni negativi si realizza mediante la respirazione e attraverso la pelle. Favoriscono la funzione respiratoria, rilassano la muscolatura e diminuiscono la fatica e l’ ansia. Gli ioni negativi sprigionati apportano un benessere generale e ci aiutano ad affrontare un nuovo giorno o rilassarci dopo un’ intensa attivitá.

Argento Colloidale

L’argento colloidale è conosciuto da molto tempo in ambito medico alternativo per le sue speciali proprietà. Già dai tempi dei Greci e dei Romani, le corti reali usavano banchettare con posate d’argento in recipienti dello stesso metallo, tanto che si diceva che il sangue nobile blu, derivasse dalle minute tracce del puro metallo che assimilavano regolarmente. La ricerca biomedica ha dimostrato che nessun organismo conosciuto che causa malattie (batteri, virus e funghi) può vivere più di qualche minuto in presenza di una traccia, seppur minuscola, di argento metallico. Un antibiotico, tanto per fare un esempio, uccide, forse, una mezza dozzina di differenti organismi patogeni, ma l’argento ne elimina circa 650. Inoltre i ceppi resistenti non riescono a svilupparsi quando viene usato l’argento, mentre per il nostro organismo è virtualmente atossico. Il medico Larry C. Ford, del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia alla Scuola del Centro di Medicina delle Scienze per la Salute dell’Università californiana di Los Angeles, ha scritto “Le soluzioni d’argento sono antibatteriche per concentrazioni di 10 organismi per ml di Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus, Neisseria genorrhoeae, Gardnerella, Vaginalis, Salmonella typhi e altri patogeni enterici, e funghicide per Candida albicans, Candida lobata. Il ricercatore biomedico Robert O. Becker dell’Università di Syracuse ha scoperto che “l’argento stimola profondamente la guarigione della pelle e in altri tessuti soffici, in un modo diverso da ogni processo naturale conosciuto e uccide le più pericolose infezioni di tutti i tipi, inclusi i batteri e i funghi che ci circondano”. E conclude “Quello che abbiamo fatto in effetti, è stato di riscoprire il fatto che l’argento elimina i batteri, come si è saputo per secoli ….; quando furono scoperti gli antibiotici, venne smesso l’utilizzo clinico dell’argento come antibiotico. “L’argento colloidale è senza sapore, senza odore e non irrita i tessuti sensibili. Può essere assunto oralmente, come pure collocato su una garza e applicato direttamente su tagli, abrasioni, piaghe aperte e verruche. Segue una lista parziale trattate con successo con l’argento colloidale: acne ed antrace,  bruciature Candida Albicans congiuntiviti e infezioni Crypro pondium, cistite, dermatite, eczemi, emorroidi, psoriasi, piorrea, scarlattina,  seborrea, ulcera, verruche.

E’ molto importante notare che, a differenza dell’antibiotico tradizionale, l’argento non indebolisce il sistema immunitario ma, al contrario, lo rinforza. Questi dati scientifici sono stati ottenuti negli USA e sono reperibili tramite motore di ricerca su innumerevoli siti Internet. USO ESTERNO: applicare su verruche, herpes, psoriasi, acne, lesioni aperte come ulcere, e tutte le malattie cutanee. Ottimo anche per la disinfezione delle mani.

CHI USA L’ARGENTO COLLOIDALE? In Canada, Svizzera ed USA i medici utilizzano vari tipi di argento per curare molteplici infezioni. Negli USA l’argento è usato nella chirurgia delle ossa. Naturopati e Omeopati usano l’Argento colloidale per il 70% degli ustionati gravi.

Anche nella Medicina Cinese, nell’Ayurveda e nell’omoepatia i terapeuti usano regolarmente l’argento nei loro trattamenti.

La NASA utilizza un sistema di purificazione dell’acqua con argento sugli space shuttle, la stessa cosa la fanno i russi. Molte compagnie aeree utilizzano filtri d’acqua in argento per circoscrivere le infezioni batteriche.

L’argento viene utilizzato spesso nelle piscine al posto del cloro (che comunque si è dimostrato tossico!). Aziende giapponesi usano l’Argento per rimuovere ossido cianidrico e nitrico dall’aria.

La pelle e l’invecchiamento

La pelle, l’organo più largo del corpo umano,  è una membrana che riveste il corpo dell’uomo. La composizione approssimata delle pelle è 70% acqua, 25% proteine, 2% grassi, minerali 0.5% ed il restante 2.5% altre sostanza.La pelle protegge dall’invasione dei microrganismi esterni e dalla perdita di fluidi. Essa comunque deve essere  sufficientemente permeabile per lo scambio di calore, di aria e di alcuni fluidi. Essa è anche un organo sensoriale, ovvero il senso del tatto. E’ formata dall’epidermide costituente la parte superficiale, dal derma separato dall’epidermide dalla membrana basale e dall’ipoderma o tessuto adiposo collocato sotto il derma.L’epidermide è quindi un tessuto epiteliale di rivestimento ed è formata da vari tipi di cellule. Il tipo principale è quello dei cheratinociti : essi si riproducono nello strato basale (la parte più profonda) e risalgono in circa 28 giorni verso la superficie. Essa è priva di circolazione venosa ed arteriosa, tranne lo stato basale, il quale riceve il nutrimento dal derma. Il derma o tessuto connettivale è costituito da varie cellule tra cui vi sono anche i fibroplasti che producono tra l’altro il collagene e la “sostanza fondamentale”. E’ ricco di vascolarizzazione e terminazioni nervose. Nell’ipoderma le cellule e le terminazioni nervose sono in minore quantità mentre è abbondante la vascolarizzazione. Sotto l’ipoderma vi sono i muscoli. Il manto protettivo della pelle è acido ed è  composto soprattutto da sebo. Il manto ha  proprietà:   antiossidanti, protegge la pelle dall’ossidazione. Il sebo è di natura bianco ma l’ossidazione dell’aria lo rende di colore diverso.

Il pH della pelle è acido è si mantiene tra 4.2 e 5.6. Acne, allergie e altri problemi della pelle peggiorano quando la pelle diventa più alcalina. Attenzione ai saponi che hanno pH diverso, ad esempio 9 o 11 !La chiave per mantenere bella la pelle è mantenere acido il manto protettivo e un turnover rapido delle cellule, ricostruendo così le proteine  collagene (fatto da glicina, prolina e idrossiprolina) ed elastina (contenente tra l’altro i due aminoacidi desmosina e isodesmosina) danneggiati. Il collagene e l’elastina (o anche altri derivati) presenti nei cosmetici non hanno effetto sulla pelle, in quanto non sono capaci di penetrare nella pelle.

La sensibilità allergica è mediata da una proteina chiamata immunoglobulina E. In una persona non allergica i livelli sanguigni di immunoglobulina E sono tra 0 e 5 nanogrammi per millilitro, mentre in persone allergiche questi livelli possono innalzarsi a 2000 nanogrammi per millilitro, e ciò aumenta la sensibilità di queste persone agli allergeni.Attenzione ai cortisonici. Andrebbero evitatati anche shampoo e saponi a base di sodium lauryl sulfate (SLS) e il sodium laureth sulfate (SLES).Comuni sono le allergie al nichel, gomma, tinture (attenzione alla paraphenylene-diamine o PPD), conservanti, profumi, lanolina, tonici per la pelle. Anche gli idratanti, i quali prevengono la perdita di acqua rivestendo la pelle con una sostanza oleosa (petrolatum, olio minerale, lanolina e siliconi) o attraendo acqua dall’esterno (glicerina, glicole propilenico, proteine e qualche vitamina) possono dare problemi. Questi prodotti possono far degradare le qualità protettive delle cellule superficiali della pelle. La sola vera idratazione è la sintesi interna di nuovi proteoglicani e glicosaminoglicani, i quali tengono l’acqua dentro la pelle. Analogo discorso per gli schermanti del sole, i quali  contengono sostanze capaci di assorbire, riflettere o spargere la luce, cosmetici per gli occhi (meglio usare cosmetici water-soluble, per le labbra, etc.

Cosa provoca le rughe?

L’età soprattutto. A partire dai 30 anni circa la pelle ha sempre meno capacità di trattenere acqua. La prima caratteristica che l’epidermide perde è la possibilità di decontrarsi, soprattutto durante quei movimenti continui ed involontari che ogni giorno il viso produce, stendendo e contraendo i muscoli sottocutanei. Per questo le prime rughe si formano soprattutto ai lati della bocca, sulla fronte e fra le sopracciglia.

Linea completa DNA2 Pure per ottenere un'acqua viva e strutturata dal rubinetto di casa